Banner
Zur deutschen Seite

Dago

Dago è un cane con una storia straordinaria. La racconto dal momento che è entrato nella mia vita, nel marzo del 2007.

L'inizio fu quasi la fine



Dago in Pavia
Dago a Pavia
Un giorno mi raggiunse una chiamata da una mia amica, allevatrice di spinoni, che aveva ricevuto un appello d'emergenza dall'Italia. Si trattava di 2 maschi di razza spinone di ca. 8 anni che erano stati lasciati da un cacciatore in pessime condizioni nel canile comunale di Pavia. Di grande taglia, maschi, vecchi, ammalati e sfiniti, era evidente che non avevano nessuna opportunità a lasciare il canile e che in questo stato non sarebbero sopravvissuti a lungo.

Spinone una razza magnifica, da sogno... non li potevo ignorare. Furono scambiati diversi e-mails tra l'Italia e la Germania e Corinna, di "Diamoci la zampa" fu disposta a rilevare i cani dal canile e prepararli per la partenza.Arrivarono a casa mia dopo 5 settimane.
Racconterò la storia di Slim in un altra occasione!

Pieno di buchi, ma ancora tiene

Dago, frisch angekommen
Appena arrivato
Nonostante le cure e terapie mediche che ricevette già da "Diamoci la zampa", Dago era, secondo la veterinaria, in condizioni pietose. Era 10kg sotto il suo peso forma. Aveva il pelo lungo e apparentemente folto, ma quando pioveva compariva la pelle nuda, perchè non aveva il sottopelo a causa di grave carenze nutrizionali. Una zampa anteriore era fratturata e rinsaldata male, perciò zoppicava vistosamente. Sicuramente anche un'anca era fratturata, perchè si vedeva che sporgeva più in alto rispetto all'altra. Gli occhi e le orecchie erano infiammati, aveva la diarrea e non era uno Spinone, ma un Griffone (Korthals).

Il principe povero

Dago und Kumpels was zu Knuspern
Perchè ottiene quello e noi no? Perchè è buono
e rimette in forze
Ma aveva un carattere d'oro. Nonostante avesse cacciato da una vita, bastava una parola per farlo desistere dalla sua preda. In 24 ore aveva capito che i gatti di casa non erano da ammazzare. Potevamo lasciarlo tranquillamente con i mici da solo. Li fissa ancora oggi intensamente, ma essendo un gentiluomo, non prova a rincorrerli. Fuori, nella brughiera, basta un fischio per lasciar in pace anche la selvaggina, nonostante gli passa davanti. Durante le passeggiate rimane nelle vicinanze, annusando continuamente, ma non abbandona la sua famiglia anche se sente dei profumi invitanti.

Dago cerca di accontentare ogni richiesta dei suoi padrondi essendo docile e coccolone, ma gli manca la sicurezza, se non ha un contatto visivo.

Il suo unico problema, era la paura di ritornare se ci aveva perso di vista. Probabilmente, precedentemente lo avevano percosso se rimaneva fuori troppo a lungo. Effetivamente, non si avvicinava più e scappava via. Tutto questo costò un po di nervi, ma quando capì che al ritorno era sempre accolto con grande entusiasmo, il ghiaccio era stato rotto.

L'araba fenice

Neue Lebenslust
Nuova gioia della vita
Dago non èra più giovane e non avrebbe perso i suoi handicap. Era un cane da caccia per eccellenza e perciò le possibilità di trovare una buona sistemazione, erano nulle. Speravo quasi che non lo volesse nessuno, così avrei rinunciato al posto provvisorio e lo avrei adottato definitivamente.

Ma alcuni cani speciali emanano qualcosa che attira le persone. Il sottopelo crebbe, il suo peso aumentò e arrivò una richiesta d'adozione che non potei rifiutare. Non fu facile per me lasciarlo andare via (e non lo avrei fatto, ma ero a conoscenza di altri Dago nei canili che mi aspettavano). Sapevo che sarebbe stato felice nella sua nuova casa.

Ed ora tocca ad Erika ed Uwe a continuare a raccontare la storia di Dago.






Una nuova vita


Hallo Barbara,

Dago Dago

Dago è qui con noi da circa 2 mesi e la fase iniziale è stata superata bene. Ha quasi del tutto abbandonato la sua riservatezza, ma non ama ancora fare le scale.

mit Erika Familienportrait

E ingrassato, pesa 25 kg e ha un appettito eccellente.

L'otite non è ancora passata, ma la veterinaria dice che fa progressi. Con molta pazienza Dago si lascia pulire e trattare le orecchie perchè sa che vogliamo solo il suo bene...

E sempre mite e dolce e ama ogni coccola, espressamente richiesta con un tocco del suo naso. E a tutti gli effetti un membro della famiglia.

im Garten

Scappa via se incontra altri cani, ma quando capisce che sono tranquilli, ci gioca molto volontieri. Non abbaia quasi mai - ma la domenica, con le campane della chiesa, prova a "cantare" in sincronia.

Portrait Dago

Dago è quasi sempre con noi e non sta mai da solo (non lo gradisce), perchè c'è anche la nonna che lo porta a spasso la mattina. La preoccupazione che possa scappare non l'abbiamo più!

mit Erika

Va d'accordo anche con i conigli che osserva attentamente, ma non salta nel recinto (chissà forse aspetta solo l'occasione? )

Siamo proprietari felici, anche per le splendide descrizioni che Barbara ci ha forniti, e sappiamo che Dago ha accettato la sua nuova casa ed è felice. E un cane davvero fedele, amorevole, docile ed intelligente; appartiene a noi!

Cari saluti
Erika ed Uwe con famiglia


Adottato nel agosto 2007




Novità dal 20 luglio 2008

Dago si gode il suo giardino


Dago
Dago
Dago




10 febbraio 2009

Dago




Dago, dopo un anno e mezzo, ha visitato la casa dove stato per la prima volta, questo lo ha trovato molto strano!!

Inizialmente era molto timoroso. Si poteva quasi leggere nei suoi pensieri: "Hm ... sono venuto qui dal canile in Italia ... e da qui nella nuova famiglia ... ora mi riportano da Barbara ... oh no! Speriamo che non devo ritornare in Italia!!!!!"



Dago



Ci volle un po di persuasione per farlo abbandonare il suo posto di guardia vicino alla porta.
E ci volle ancora più tempo per farlo rilassare e giocare con i suoi vecchi compagni canini.
Anche se alla fine correva tranquillo tra di noi, si vedeva il suo sollievo nel ritornare in macchina e partire verso casa.

E stato bello vedere come Dago si è sviluppato bene.
Ha un aspetto sano ed è in una perfetta forma fisica. Ed è sopratutto felice.
Nonostante tutto, è rimasto un gentiluomo un cane fantastico!





A questo Dago non si abituerà mai: le campane domenicali, che esigono una protesta ...



zurueck